22 mag 2015

Guida italiana: Il canto delle sirene della Puglia

fot. Anna Chiara Moretti


Questo articolo è stato creato in collaborazione con Anna Chiara Moretti, un’italiana innamorata di viaggi che, come me, visita e scopre con le meraviglie il Bel Paese, consapevole della bellezza e dell’unicità di esso.

La Puglia: stretta, fortemente intagliata, nei vecchi tempi una parte della Magna Grecia, è il puntello d’Italia. Almeno lo potrebbe essere se lo stivale italiano, una volta liberatosi dall’amplesso dei mari, potesse alzarsi e stare verticalmente a modello dell’arto inferiore umano. La Puglia è una regione dell’Italia meridionale,  “il tacco” della penisola appenninica. Dando ascolto all’invito di un rapper  italiano che canta: “Vieni a ballare in Puglia”, andiamo a ballare scalzi là, dove si gode di più il ballo, ovvero sulla spiaggia.

Incontro con la storia 

Vieste è un paese marittimo, chiamato la perla del Gargano, ovvero di una piccola penisola dove si trova anche il Parco Nazionale Gargano. Vieste è concentrata soprattutto sullo sviluppo del turismo, però presenta anche davanti ai viaggiatori e turisti il proprio interno superbo, con le sue caratteristiche strettissime vie meridionali e con i muri scrostati dei palazzi dove il presente si incontra con la storia. Uno degli edifici più famosi di Vieste è la Cattedrale di Santa Maria Assunta, costruita nel XI secolo in un severo stile romano pugliese. La cattedrale soffrì a causa dei numerosi terremoti ed incursioni, le quali avendo pazientemente sopportato raggiunse il momento della ricostruzione della facciata e del campanile (crollato nel XVIII secolo). Anna sottolinea : “è bella, però entrando nel duomo il visitante si aspetta di più di quello che vede dentro”.

Nel punto più alto della città domina il Castello Svevo che ci ricorda degli oscuri e ansiosi tempi del Medioevo. Il castello è stato costruito agli inizi del XIII secolo su incarico di Federico II Svevo dopo l’invasione dei veneziani. Il castello doveva far parte del progetto con lo scopo della fortificazione della costa. Attualmente è la sede della Marina Militare Italiana, e per questo motivo i turisti avidi di impressioni devono restare a bocca asciutta, quanto non ci sia un evento speciale durante il quale il castello viene aperto al pubblico.

Le rocce hanno gli occhi

Sui numerosi monumenti si può dilungare all’infinito, però il forte principale della città e dei dintorni è soprattutto il paesaggio. Come scrive Anna Chiara: “Là la natura con la propria bellezza sembra oltrepassare ogni limite”. La Puglia è famosa prima di tutto per i faraglioni che escono dal mare, e  sui quali le onde battono quasi con rabbia, garantendo così  ai turisti uno spettacolo mozzafiato. Vale la pena vederlo anche da vicino, decidendo di partecipare all’escursione in traghetto da Vieste alle Isole Tremiti che fanno parte del Parco Nazionale Gargano.  L’arcipelago è composto da: le isole abitate San Nicola e San Domino, disabitate Pianosa e Capraia, nonché Cretaccio e La Vecchia. Un’altra attrazione che permette di avvicinarsi alle meraviglie create dalla natura è l’escursione per visitare le Grotte Marine, ognuna delle quali ha un proprio nome particolare (come per esempio la Grotta dei due occhi, sopra la quale è possibile vedere due aperture che assomigliano a due occhi che guardano attentamente tutti coloro che ci vogliono entrare, oppure la Grotta delle Sirene, piaciuta di più ad Anna Chiara, dove, secondo la leggenda, vivevano le sirene).


fot. Anna Chiara Moretti
fot. Anna Chiara Moretti


Un amore imprigionato nella pietra 

Vieste ed i propri dintorni sono un zona delle leggende e dei sogni, un luogo, a quanto pare, perfetto per i sognatori.  Spesso succede così che le storie d’amore più commoventi e attraenti per i turisti sono quelle con un fine non tanto lieto. Come Verona si vanta di una fine infelice dell’amore di Romeo e Giulietta, così Vieste ha reso immortale nella roccia Pizzomunno, un ragazzo modesto e perbene ma anche bello alla follia. Come sottolinea Anna Chiara, se la bellezza delle spiagge locali non vi ha ancora convinto, la leggenda del posto sicuramente non lascierà nessuno indifferente.

Un giovane ragazzo di nome Pizzomunno abitava in un vicino villaggio di pescatori ed era famoso della sua bellezza e fascino al quale non erano resistite nemmeno le sirene.  E appena si faceva vedere sulla spiaggia le mezza donne mezzo pesci lo adescavano, provavano a sedurlo e promettendogli l’immortalità volevano far di lui il loro amante. Il ragazzo fu però fedele alla sua amata Cristalda ed era indifferente alle parole delle sirene. Una sera, quando Cristalda stava sulla spiaggia ad aspettare il suo amato, le sirene infuriate l’avevano trascinata nel profondo del mare. Invece Pizzomunno, impazzito dalla rabbia, si è gettato nell’abisso delle acque in cerca di Cristalda. Un giorno dopo, mentre un pescatore passeggiava lungo la spiaggia, vide nel mare un faraglione alto di 25 metri che non ci fu prima, ovvero trasformato nella roccia, impazzito dalla disperazione Pizzomunno. Secondo la leggenda, ogni 100 anni Cristalda esce dal mare per incontrarsi con il suo amato Pizzomunno che per solo una notte assume la figura umana.

fot. Anna Chiara Moretti


Ogni posto si manifesta attraverso le storie e leggende ad esso legate. Dunque se  vi sentite chiamati con il canto delle sirene dai posti lontani il cui paesaggio vi garantisce un viaggio nel tempo, forse è arrivato il momento di permettersi  di essere sedotti da Vieste e Pizzomunno?

Le informazioni pratiche:

*dove mangiare

- Ristorante al Duomo: http://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g194948-d1099128-r115550261-Al_Duomo-Vieste_Province_of_Foggia_Puglia.html  - da provare assolutamente i piatti tipici a base di pesce!


*dove dormire

- Su questo sito troverete delle buone offerte e a buon mercato. Come l’esempio, il Bed and Breakfast raccomandato da Anna Chiara: https://www.hotelsclick.com/alberghi/italia/vieste-foggia/101721/hotel-pizzomunno-b-and-b.html

*le gite

- Per visitare le grotte marine di Vieste: http://www.motobarcheblu.it/prezzi.html

- Le informazioni riguardanti le escursioni per le Isole Tremiti troverete qui: http://www.collegamentiisoletremiti.com/servizi/orari-e-tariffe - qui potete anche prenotare il biglietto.


Nessun commento:

Posta un commento