25 gen 2016

Essenza d'Italia III



Le persone che incontriamo ci insegnano molto. Soprattutto quando incontriamo delle persone provenienti da un altro paese, che parlano una lingua diversa dalla nostra e che, mentre viene raccontata una barzelletta, ridono in un momento completamente diverso. Oggi nel post della serie Essenza d'Italia rifletteremo sulle relazioni italo-polacche, e su quello che abbiamo in comune (e di diverso). 



Sul thè 

"- Cosa fai? 
- Sto bevendo un thè verde. 
- Come mai? Stai male? " 

Il fatto che l'Italia è un paese di caffè non è più alcun mistero, ed è chiaro che là dove regna questa bevanda, tutte le altre hanno un'importanza secondaria. Il tè viene bevuto in Italia di solito nei casi di raffreddore, di influenza o di un malessere generale. Più raramente rispetto alla Polonia gli italiani bevono il tè solamente per il piacere di berlo. Hai la febbre? Ecco una tazza di tè. Ti fa male la gola? Prendi lo sciroppo, compresse, pillole e ... beviti una bella tazza di tè. Questa bevanda è la risposta a tutti i disturbi ed i sintomi di raffreddore, i quali quando passano, il povero tè ritorna in un angolo dimenticato di uno degli scaffali di cucina che vengono raramente aperti. 

"- Vuoi un tè? 
- Sì. 
- Quale? 
- Ma come 'quale'? " 

Allora quale tipo di tè ci salva dal raffreddore?Ovviamente quello classico, earl grey. Quando si entra nel supermercato in Polonia, i ripiani con i diversi tipi di tè sembrano non finire mai. In Italia, qualche pacchetto di tè nero e di camomilla (a volte anche di menta!) occupa poco spazio tra i caffè e il cacao.Pertanto, visto che di solito bevo il tè in foglie, non in sacchetti, la tasca laterale della mia valigia è sempre piena di diveri tipi di erbette.("Il tè di ortica? Dio, ma sei matta! ")

E che facciamo se ci va di bere questa bevanda calda fuori casa?Fortunatamente, ci sono dei bar che ci offrono non solo English breakfast tea ma anche diversi tipi di tè alla frutta o altri.Quindi così, contenti di questa calda scoperta, respiriamo il profumo di vaniglia e guardiamo dei due robusti signori che tremano di freddo, tenendo in mano una piccola tazzina di un aromatico caffè. 

Fonte

Sugli stereotipi 

"Ho sentito dire che all'estero gli italiani vengono descritti come dei latin lover che escono con più donne contemporaneamente", ha detto una volta un mio interlocutore, un italiano naturalmente, mostrando con orgoglio il petto e assumendo la posa del maschio alfa. Ma mi chiedo perché ad alcuni italiani un simile stereotipo gli lusinga (sugli italiani-Casanova ho già scritto qui)? 
Invece uno dei primi stereotipi sugli italiani che mi è stato riferito era quello in cui vengono descritti come i mammoni. Il loro rapporto con la madre e (se ce l'hanno) la sorella è innegabile, il che non vuol dire che devono per forza vivere con i genitori fino a 30 anni, e scappare dal senso di responsabilità e indipendenza. La mamma ha un posto speciale nel cuore degli italiani ed io non lo vedo come qualcosa di negativo, anzi, secondo me è una delle caratteristiche molto desiderabili. Soprattutto perché vedendo sua madre come un essere unico, gli uomini trattano con un rispetto simile anche le altre rappresentanti del bel sesso. Mi piace quando l'uomo sia in grado di trattare con un dovuto rispetto la donna che gli ha dato la vita, però ovviamente questo non deve essere una scusa per diventare una frana, incapace di decidere del proprio destino (non so come farlo, perché sempre lo faceva la mamma; deciderò più tardi, prima ne parlo con mamma).Per fortuna, finora ho incontrato gli uomini "intermedi" tra un presuntuoso "maschio alfa" ed un triste "non-so-come-farlo". 

Sulla Polonia 

"- L'estate scorsa c'erano addirittura 35 gradi - dico. 
- Che dici? In Polonia? Ma se là fa sempre freddo! " 

Ancora mi diverte quando per alcuni italiani a volte è difficile credere che in Polonia in estate la temperatura può superare i 22 gradi e d'inverno invece è difficile che nevichi.Invece coloro che hanno visitato la Polonia più volte, ne rimangono affascinati e ne parlano con entusiasmo, il che mi fa veramente piacere ed a volte pure commuovere! 
"Ci sono moltissimi spazi verdi! Le dirò francamente che non me ne aspettavo che la Polonia possa essere così bella. Ero con la mia famiglia in vacanza, abbiamo fatto un giro turistico fra le diverse città e siamo rimasti colpiti dalla bellezza del paesaggio! Le città sono così pulite, verdi. E' bello, che curate così bene il vostro paese ", mi ha detto una volta un tassista che un giorno mi accompagnava all'aeroporto. Che posso dire? E' un immenso piacere sentire queste cose! 

Dopo le numerose meraviglie sui paesaggi polacchi e sull'architettura dei centri storici delle città come Cracovia e Breslavia, arriva il momento di riflettere sulla moneta. 

"La Polonia è un paradiso! Là tutto è così economico!" 

Ou, fermati amico. Stai dimenticando che in Polonia guadagnamo in zloty. Ad alcuni italiani piace ancora dimenticarsi e meravigliarsi sulla nostra benzina “così economica "e sul "costo così basso delle spese quotidiane " e calcolano tutto, paragonando il loro stipendio in euro con una vacanza polacca in zloty, dove inevitabilmente, quasi tutto gli costerà 4 volte di meno (per chi non è al corrente un euro è uguale a 4 zloty). 

Scatto di Varsavia

Sulle donne polacche 

"- Sei polacca? Impossibile. 
- Perché? 
- Mi sembrava che le donne polacche fossero tutte bionde " 

La summenzionata conversazione può sembrare un po 'esagerata, ma è del tutto vera. Gli uomini italiani volentieri identificano la bellezza polacca, slava con delle ragazze con i capelli biondi e gli occhi azzurri. E certo, questo tipo di bellezza è per loro "esotico" e pertanto desiderato, anche se una volta uno dei miei colleghi ha detto: "è chiaro che ci piacciono le bionde però in realtà ci innamoriamo delle more". 
Invece per quanto riguarda il carattere? È chiaro però che alla fine, il più importante in un rapporto è il dialogo. Quali secondo Voi sono gli stereotipi sulle donne polacche? Non so perché, ma mi aspettavo un'opinione non tanto bella, ma quello che ho sentito mi ha fatto veramente piacere: 

"Si dice che le donne polacche siano delle ottime mogli, delle perfette casalinghe e le donne intraprendenti e laboriose."

Mamma mia! Ho pensato subito al mio scaffale con i libri che quasi quasi mi chiama, richiedendo di spolverarlo, al lavello pieno di roba ed alle mie idee culinari mai realizzate e quelle che si sono rivelate delle catastrofi. Intraprendente e laboriosa quasi fino ai limiti della dipendenza dal lavoro? Sì, eccomi! 


Ovviamente tutti i post della serie Essenza d’Italia non hanno il compito di offendere nessuno o di ripetere gli stereotipi. Semplicemente in modo scherzoso cerco di descrivere degli avvenimenti della vita quotidiana e negare (o spiegare) alcuni stereotipi e avvicinare i lettori stranieri alla realtà italiana.

Nessun commento:

Posta un commento