09 feb 2017

A Malaga ci sono le meraviglie!



Malaga è divisa in strati. La prima: le periferie tristi circondate da Montes de Málaga (i Monti di Málaga), la seconda: le zone interessanti dei viali ed alla fine: un meraviglioso centro storico. La Calle Marqués de Larios è subito diventata la nostra strada preferita. Essa era coperta su tutta la lunghezza con una gigante carta pubblicitaria della birra San Miguel come con un grande baldacchino che ci proteggeva dal sole. 


Calle Marques de Larios piacevolmente ombreggiata

Da qualche parte, tra una strada trafficata, un piccolo negozio, un bar chiuso ed un centro commerciale e’ nascosta una piccola cappella, dove entriamo come se entrassimo in un altro mondo e la cappella subito diventa per noi un punto di riferimento più riconoscibile. Nelle vicinanze, notiamo un piccolo palazzo, la cui facciata è decorata di ceramica, le finestre con le tende chiuse e un massiccio grigliato. Non c'è nessuno, oltre a noi. Nei giardini di Picasso si sente un delicato brusio delle dure foglie dell'albero di fico, cadono le foglie dei fiori ed i ciclisti suonano il campanello delle loro bici. Sulla costa, un lungomare moderno si estende lungo il parco adiacente, per poi staccarsi improvvisamente e trasformarsi in un molo che scivola nell'acqua del mare. Lì, da un lato dondolano e scricchiolano le barche ormeggiate alla panchina, e dall'altra sguazza un'acqua tiepida del mare in cui immergiamo i piedi. 

La facciata di una palazzina nel cuore di Malaga



La costa di Malaga

Il porto di Malaga

Mi hanno detto che a Malaga non c'è nulla, che ci troverò solamente l'arena della corrida ed il porto. Ma come! A Malaga ci sono le meraviglie! C'è la storia che sussurra in ogni angolo della città ed in ogni pietra dell'Alcazaba e del castello di Gibralfaro, ci sono dei giardini rumorosi, i mercati di spezie profumate ed un'architettura che ci intimidisce e verso la quale solleviamo la testa ed il collo, corrughiamo la fronte e socchiudiamo gli occhi. Dalla Plaza de la Costitucion rivestita di un lastricato elegante come un salotto raffinato, ci lasciamo trasportare da un labirinto delle stradine, scivolando tra le bancarelle ed i negozi, dando un’occhiata nei vicoli ciechi, al balcone di uno dei ristoranti, ci lasciamo guidare dalle nostre gambe verso il punto più alto della città e sotto la scalinata della Cattedrale la cui torre campana sembra toccare il cielo. Malaga risuona con un ritmico suono della chitarra e di uno scalpello che sfiora un pezzo morbido di legno, che dopo un po', assume le forme degli animali. Profumano le mandorle tostate in caramello e le noci, sentiamo il profumo di curry, un odore salato dei frutti di mare ed una piacevole brezza delle fontane. Malaga ci parla tramite un migliaia di immagini e odori e ci avvolge con delle morbide sciarpe colorate, appese alle bancarelle. A Malaga ci sono le meraviglie!

Un murale meraviglioso in centro storico di Malaga

La facciata della Cattedrale 

Il campanile della Cattedrale

La Plaza de la Costitucion


Informazioni pratiche e curiosità: 

- Malaga è una città situata nella regione dell'Andalusia al sud della Spagna. Malaga fu fondata dai fenici nel VIII secolo aC, probabilmente con il nome della città di Malaka,

- a Malaga necessariamente dovete visitare i mercati locali di frutta e verdura e gustare i sapori locali. Invece tra i luoghi "must see" ci sono: 

a.  Il castello di Gibralfaro costruito nella prima metà del XIV; 

b.  l’Alcazaba, una fortezza araba con dei bellissimi giardini, che offre una magnifica vista panoramica della città e del porto ed ai piedi di cui si trova anche un antico teatro romano

c. la Cattedrale (Santa Iglesia Catedral Basílica de la Encarnación), costruita negli anni 1528-1783. Il campanile meridionale della cattedrale rimane incompiuta e per questo la cattedrale viene chiamata dagli abitanti "La Manquita", ovvero " con un braccio solo";

d. Museo Picasso, aperto dalle ore 10 alle 20 (da luglio ad agosto, invece di primavera e d'autunno dalle 10 alle 19).Il museo può essere anche visitato gratuitamente la domenica, due ore prima della chiusura. Maggiori informazioni qui: http://www.museopicassomalaga.org/en/

- Malaga è il luogo di nascita di Pablo Picasso e Antonio Banderas :)


L'Alcazaba vista dall'esterno

L'Alcazaba, dove ogni pietra ha l'anima

Il teatro romano ai piedi della fortezza

Malaga è divisa in strati :) 


Nessun commento:

Posta un commento