18 gen 2017

Calabria sconosciuta: Corigliano Calabro




Sul Ponte Canale entro con le gambe leggermente traballanti. Cammino però decisa, cercando di dimenticare di soffrire di vertigini. Il Ponte, una volta svolgeva il ruolo di acquedotto che trasportava l'acqua alle piazze principali della città: Giudecca, Fondaco e Muro Rotto. Mi fermo in mezzo del ponte e mi trovo esattamente alla metà della serpeggiante via Roma. Davanti a me si estende una vista panoramica e vedo una sottile linea dell'orizzonte dove il mare incontra il cielo dello stesso colore. Prima però, davanti a me si estente un campo ondulato di tetti di color rame dei vecchi palazzi e delle case, tra cui, sporgono di fuori dei camini storti di pietra. Mi giro lentamente.  Dall'alto, dalla collina mi osservano le facciate dei palazzi che sembrano sorvegliare il castello situato sulla collina.