25 apr 2015

La vampa del sole d'agosto


Anche se siamo arrivati di mattina, il sole ormai era abbastanza forte. Stavo su un asfalto bollente del parccheggio cercando un po’ di ombra. Mi sono pentita di non aver portato delle altre scarpe, più coperte. Nonostante i soffi delicati del vento, anche camminando sentivo come il sole mi abbronzava le braccia ed i piedi fino alla rossezza. Proseguivamo per le scale di pietra in alto verso il centro della città, il quale sembrava guardarci dall’alto. Stava lì pesante, resistente al caldo, spuntando piano piano davanti ai nostri occhi dagli angoli. Gli edifici alti, collocati stabilmente sulle scarpate sembravano aderire ad esse così solidamente come se da sempre fossero un’unica cosa. Come se quelle rocce ripide si fossero consapevolmente lasciate sottomettere all’uomo perché quello avesse potuto costruirci le propre case.

15 apr 2015

Acrobazie sulla corda



Siamo partite dalla fermata Fondamente Nove, alla quale si affollava ormai un notevole viavai di persone. Tra di loro c’erano soprattutto le famiglie con i bambini, le coppie di turisti, dei singoli passeggeri tristi e pensierosi ed, infine, noi. Quando la fermata di vaporetto era tutta riempita dei corpi sudati, diventava abbastanza stabile in modo che per un attimo si poteva dimenticare di stare sull’acqua. Quando però quel casotto galleggiante sull’acqua era quasi vuoto, e le singole persone stipate negli angoli erano sedute sulle panchine strette, aspettando il trasporto acqueo, una volta entrati nella fermata dondolante era possibile sentirsi come su uno dei giochi gonfiabili per i bambini, dove i ragazzini si arrampicano per poi poter scivolare dallo scivolo. Noi siamo scivolate dalla fermata al vaporetto e abbiamo trovato due posti, abbastanza all’ombra.

03 apr 2015

La colomba al picnic


Durante un esame indimenticabile di spagnolo parlavamo del Natale. Siccome ero appena tornata dall’Erasmus in Italia, le domande si concentravano sulle differenze nelle usanze natalizie in Polonia e in Italia. Tutto andava benissimo fino al momento in cui uno dei professori mi ha chiesto del dolce tipico natalizio, il quale proprio non può necessario mamcare sulla tavola italiana accanto all’albero di Natale. “Paloma! Paloma!”, grida, ed io mi chiedo dove, managgia, lui aveva visto la colomba sulla tavola di Natale. Pensando della Colomba di Pasqua, delicatamente gli suggerisco che forse abbia sbagliato la festa. Lui però, testardamente, continua a convincermi di avere ragione. Fino alla fine dell’esame tra di noi è rimasta una piccola confusione. E la colomba? C’è, ovviamente, la troviamo sulla tavola italiana solo che qualche mese dopo, bella, morbida Colomba di Pasqua.

01 apr 2015

Carabinieri nel Palazzo Ducale

L'archittetura sottoposta alla natura in Piazzale della Pace; a destra (invisibile ormai sulla foto) il Palazzo della Pilotta.

Visitare i posti è difficile e divertente. Saper scoprire i luoghi visitati è una capacità stranamente complicata, per essere in grado di camminare per tutta la città guardando tutto senza vedere veramente  niente. È divertente andare da una parte e , guardando intorno, rendersi conto che probabilmente sei l’unico turista. Sarà un po’ come con un’affermazione: “vai alla mia città natale? Perché? Là non c’è niente.” E la gita comincia ad essere più interessante quando quel „niente” inizia a prendere forma.